gli spettacoli - Fasti Verolani - Veroli Festival

fasti verolani
veroli festival 2018
Vai ai contenuti

gli spettacoli



Compagnie Partecipanti
 
Accademia di Belle Arti, Appiccicaticci; Arts&Crafts; Asante Kenya (Kenya); Compagnia Autoportante (Italia/Argentina); Badabimbumband; Katia Beni; Compagnia Biliku; Buling Circus; Il Cappello Rosso; Dekru (Ucraina); Drago Nero; Dulcamara Teatro; Duo Allegro ma non troppo; Fra’ Martò; Adrian Kaye (U.K.); Gino Lanzieri; Matthias Martelli; Edoardo Mirabella; Silvana Pirone; Polis/I Macelli; Daniela SánchezReza (Messico); Secondi Figli; The Sparkle;  I Suoni di Seba; Teatri 35; Teatro Viaggiante Terzostudio/Ludos; Terzostudio/Teatro delle Dodici lune;  Compagnia Unnico; Alessandro Verdecchia; Veroli Racconta.
 
 
Presentazione spettacoli
 
 
Corso di scenografia dell'Accademia di Belle Arti di Frosinone
"C'era una seconda volta" (30'')
 
Area Ocra Chiostro Agostiniano

Un vestito rinascimentale itinerante "indossato" da una marionettista cela mondi immaginari dove marionette un po' bizzarre prendono vita. La finzione e l'artificio scenografico si mescolano a cose reali, quotidiane, usuali e anche banali, alla ricerca di un equilibrio insolito. Scenografie e marionette sono realizzate con materiali di riciclo e queste ultime, assemblate in vario modo con materiali eterogenei, si avvicinano più al teatro dell'oggetto che al tradizionale teatro di marionetta. La narrazione ricorda una fiaba ben nota: Biancaneve. Difatti, partendo proprio da quella versione che nella mente di ognuno di noi evoca immagini e aspettative ben precise, ci si immerge in una rivisitazione della stessa, con luoghi, personaggi e sviluppi analoghi ma che allo stesso tempo riescono a differenziarsi a tal punto da dare vita ad un "c'era una seconda volta" di Biancaneve. Tutto è basato sull'idea di gioco, meraviglia, divertimento, connessioni mentali, doppie realtà, riconoscimenti e stravolgimenti: niente è come sembra...









 
Appiccicaticci
 
De niu Sciò” (40’)
 
La compagnia romana ha avuto un successo senza pari nel mondo dell’improvvisazione teatrale da 3 anni con più di 100 repliche, o meglio con 100 prime volte, essendo sempre improvvisato. Sarà un'avventura incredibile che toccherà l'universo cinematografico, teatrale e musicale; comici è dire poco! Qualcuno dirà che sono geni,qualcuno dirà che sono folli,qualcun altro che sono degli imbecilli con la I maiuscola. E ovviamente ci sarà un continuo rapporto con il pubblico che sarà coinvolto per tutto ciò che non hanno mai visto o osato vedere!
 
Area Magenta – Piazza Franconi

 
Arts&Crafts
 
“Il Circo Inventato – ovvero come nacque il Circo delle Pulci” (35’)
 
Un ex direttore ha dovuto chiudere il suo circo ed è rimasto senza parole, ma una fata pasticciona arriva in soccorso per mostrargli che non servono né tendone né trapezisti né animali: si possono inventare sogni giocando con il teatro e la fantasia, per creare comunque uno spettacolo straordinario.
 
Area Celeste – Terrazza del Vescovado


 
 
Asante Kenya (Kenya)
 
“Acrobatic  Show”  (’30)
 
La troupe acrobatica di Asante Kenya (dove “Asante” sta per “Grazie” in Swahili) è composta dai 4 elementi.
Il loro spettacolo di animazione è di grande coinvolgimento e si rivolge ad un pubblico molto eterogeneo per i suoi contenuti semplici, per la sua facilità di comunicazione, per spettacolarità di corpi che saltano e ballano trasmettendo tutta la forza, l’energia di questi atleti-artisti del Kenya.
Le acrobazie sono quelle tipiche della tradizione africana che prevede piramidi umane, eccezionali salti con la corda, evoluzioni nell’aria e giochi con il fuoco.
 
Area Celeste – Orto del Vescovo

   
 
Compagnia Autoportante (Italia/Argentina)
 
“Fuori al Naturale” (30’)
 
Lo spettacolo narra una storia d’amore e (dis)equilibrio. Descrive come vive una coppia, la sua routine; l`inizio della giornata, di un uomo e una donna che a ritmi diversi si preparano per la vita. Lei energica e attiva, lui più “birbante” che sveglio, si scontrano e ritrovano in un mondo reale e allo stesso tempo magico.
 
Lui invita lei nel suo mondo, i due personaggi si conoscono e si innamorano in una dimensione parallela alla realtà. Una romantica storia fuori da ogni tempo e da ogni luogo che si svolge magicamente su di un filo sospeso in aria. Metafora della linea della vita, sottile, ardua da percorrere e facile cadere, sarà la forza e la voglia di stare insieme che li terrà in equilibrio.
 
Area Celeste – Terrazza del Vescovado
 
 
 
BadaBimBumband
 
“OPUS BAND” (40’)
 
Un irriverente viaggio musicale tra sacro e profano. “Opus Band” vi offre una inusuale confraternita di frati che giocano muovendosi come funamboli in equilibrio su un immaginario filo sospeso tra il sacro ed il profano, tra dannazione e resurrezione, castigo e gioia. Un’alternanza musicale di rock ed canti gregoriani, di medioevo ed electro funk. Con grande capacità interpretativa i musicisti trasformano l’elevata perfezione della Toccata in RE minore di Bach inquinandola con la sregolatezza di James Brown. “Opus Band” è un sapiente connubio di musica e teatro di strada, spiazzante e divertente che coinvolgerà il pubblico in questo breve “viaggio saxofonico sulla via per il paradiso”.
 
In programma solo sabato, itinerantiArea Verde, Area Ocra


 
 
BadaBimBumband
 
“LA BANDA MOLLEGGIATA” (40’)
 
Uno show in cui la qualità musicale dei brani si sposa con il teatro, con le coreografie corali ed eccezionalmente con la danza. “Molleggiata” sta infatti a sottolineare l’aspetto scenico della band in cui i musicisti dondolano, volteggiano, ballano mentre suonano; e vuol riferirsi al tempo stesso, al genere musicale che parte da “Celentano”, il molleggiato per eccellenza, per spaziare in sonorità e brani più moderni, per dar vita ad una miscela musicale esplosiva e danzante.
 
In programma solo domenica, itinerantiArea Verde,Area Ocra



 
 
Katia Beni
 
“Casa Beni” (30’)
 
Il sogno di un TETTO sulla propria testa, di una CASA di proprietà, resta un obiettivo da rincorrere per tutta la vita. Forse è un fatto inconscio. E quando l’occasione arriva, ci si sente un po’ più felici e si osa, con impavido coraggio. Una galleria infinita di situazioni esilaranti, giocate rigorosamente sotto lo stesso tetto: dall’acquisto dell’immobile, al delirio dei lavori di ristrutturazione fino ai piccoli fatti che la vita quotidiana ci propone una volta chiusa la porta di casa. Ecco, questo è tutto sotto il tetto. E forse anche qualcosa di più. Allo spettatore non resta dunque che suonare il campanello di “casa Beni”, entrare e mettersi comodo per assistere allo spettacolo.
 
Area Ocra  Chiostro Agostiniano di via Vittorio Emanuele



 





Biliku  “Unite” (30’)
 
Uno spettacolo travolgente che trae ispirazione dal buddismo di NichirenDaishonin e dal sutra del Loto. Lo spettacolo si apre con un' ambientazione infernale che rispecchia il mondo più basso dei dieci mondi del buddismo e vede un continuo e animato susseguirsi di acrobati aerei che si alternano in modo dinamico utilizzando il tessuto come mezzo per arrivare al raggiungimento dello stato di felicità assoluta, tramite la propria rivoluzione umana illuminando i lati più oscuri del proprio essere per far diventare  il piccolo Io un grande Io. Si arriva così ad infondere in scena un senso di pace e di riflessione dopo una lunga lotta condotta a ritmo di musiche e coreografie mozzafiato.
 
Area Celeste – Piazza Santa Salome





 
 
Buling Circus
 
“Strudel” (30’)
 
Ingenuo, comico, acrobatico! Un vortice di situazioni ricche di abilità circensi, ingredienti per uno spettacolo adatto a tutti i palati. L’ironia ed il linguaggio universale della mimica avvolgeranno il pubblico di ogni età e di ogni nazionalità.
 
Area Ocra – Piazza Duomo


 
 






Il Cappello Rosso
 
“Fellini Zirkus Boulevard” (30’)
 
Fellini Zirkus Boulevard è uno spettacolo di marionette liberamente ispirato al mondo visionario e poetico di Federico Fellini e in particolare a “La strada”!
 
Senza necessità di parole, si passa dalla rumorosaambientazione del circo alla melancolica aria di tromba suonata da Gelsomina. Lo spettacolo è ambientato in un circo abbandonato. Tutti sono partiti. Rimane solo l’ombra di un sogno, un ricordo, l’eco di una melodia di carillon. Fellini Zirkus Boulevard è anche un omaggio a questo gioco crudele che è il circo - come scriveGenet, un insieme di audacia e perfezione, solitudine e pazzia, festa e morte.  Gelsomina è un clown con due facce, una triste e una allegra; esiste solo nel tempo della sua apparizione. Una scatola rossa dalla quale si parte e a cui si torna, seguendo una piuma, sospesi nel vuoto. Sempre sulla strada.
 
Area Verde – Monastero di Sant’Erasmo


 
 









Dekru (Ucraina)
 
“Anime Leggere” (30’)
 
Il quartetto di mimi Dekru, nato a Kiev nel 2010, è noto per la sua estetica sofisticata, l’eleganza, la professionalità, il sottile senso dell'umorismo. Lo spettacolo, presentato in maniera spontanea e divertente, affascina adulti e bambini in particolare grazie alle improvvisazioni. Grazie all’elaborazione di un linguaggio del corpo semplice, senza l'aiuto di elementi scenografici, gli attori ricreano dapprima un contesto marino, abitato da pesci e piante fantasiose di ogni tipo, poi una serie di sport diversi tra loro e infine anche una storia d'amore tra due "statue viventi". Punto culminante rimane l’ispirazione al contesto del circo: come per magia davanti ai nostri occhi appaiono leoni, acrobati su un trapezio, giocolieri e un pubblico esultante. Tutto questo viene creato solo dai movimenti di quattro giovani artisti. Imperdibili
 
Area Celeste – Orto del Vescovo



 
 
Compagnia del Drago Nero
 
“Fuoco” (30’)
 
Fa parte di quegli spettacoli di grande impatto visivo, riconducibili a quello che spesso viene definito l’immaginario medioevale.“Fuoco” è allestito con una serie di coreografie di teatro danza, di arti marziali, di fuoco e pirotecnica. Dalla preistoria ai giorni nostri attraversando epoche e paesi diversi , il fuoco non ha mai smesso di esercitare il suo fascino magico e stupire gli uomini. Eccolo nei riti ancestrali e religiosi, nelle lotte, nel gioco delle visioni.
 
Area Verde – Chiesa di Sant’Erasmo


 
 



Dulcamara Teatro
"Priscilla" (15')
Una donna. Una vita. Un amore. Un monito. Una nascita. Una promessa. Un segreto. Un sogno. Una verità che uccide…Una verità che libera…A condurci con se nel suo viaggio…è una morta…più viva che mai, un’anima intrappolata nella dimensione terrestre perché ha qualcosa da dire, da mostrare, da chiedere.
E il cielo solo sa quanto i morti possano essere chiacchieroni, sfrontati, sinceri, appassionati.E Priscilla che troppo ha visto e troppo taciuto…canta, canta il suo racconto straziato e dolcissimo, e dona il suo segreto…
Ingresso a numero chiuso per 15 persone per volta – Prenotazione su posto.

Area OcraPalazzo  Comunale, Museo civico archeologico








Duo Allegro ma non troppo
"Il Tango"

Il duo "Allegro ma non troppo" propone, per questa edizione dei Fasti Verolani, "Il Tango". Lo spettacolo offrirà al pubblico esempi più significativi di questa seducente danza attraverso gli autori Albeniz, Gardel e Piazzolla.  Il meraviglioso Chiostro della Basilica di Santa Salome, come le precedenti edizioni, sarà la stupenda cornice di questo spettacolo.


Area Celeste – Chiostro dei Canonici





 
 
Fra’Martò
 
“Out of the Blu” (45’)
 
La protagonista stende i panni in piazza e con la sua lavatrice portatile crea scompiglio nelle asciutte vite del pubblico. Lo spettacolo abbraccia le tecniche di teatro di strada dove la manipolazione di oggetti, la giocoleria ed il clown vengono usati come base del linguaggio narrativo.  Il lavoro di Francesca Martello è una continua ricerca di combinare circo e teatro fisico, con una forte attenzione alla commedia. Francesca Martello ha studiato tecniche di circo, danza e teatro alla scuola di Circo Carampa, Madrid e nella scuola di circo contemporaneo Circus Space di Londra.
 
Area Celeste – Piazza Santa Salome


 

 




Adrian Kaye (Regno Unito)
 
“Adrian Kaye Show” (30’)
 
Adrian Kaye, vero anglosassone, vive da anni in Italia, senza rinunciare però ad una vocazione di giramondo. Si è formato come mimo classico alla Desmons Jones School of Mime e, sul campo, al Covent Garden di Londra. Senza mai dire una parola, servendosi di una piccola valigia piena di strani e inusuali oggetti, Adrian Kaye presenta uno show sempre nuovo in cui l'improvvisazione e il pubblico hanno un ruolo determinante. Le sue continue provocazioni, sempre originali, sempre misurate, coinvolgono la gente che ben volentieri è disposta a divenire protagonista, moltiplicando così i personaggi di un gioco teatrale di sicuro effetto e di grande comicità.
 
Area Celeste – Piazza Palestrina


 
 





Gino Lanzieri
 
“Magic Gino” (30’)
 
Manipolazioni, gag, improvvisazioni: Gino Lanzieri crea immediatamente un’atmosfera di simpatia, interagisce con il pubblico rendendolo partecipe e protagonista delle sue divertenti illusioni. I suoi numeri fanno parte di un repertorio di rara esecuzione e di grande effetto magico e comico, due elementi che contengono le garanzie giuste per intrattenere e divertire gli spettatori di ogni età. Curiosità, mistero, sorpresa, destrezza, velocità, ironia, sono gli ingredienti del teatro magico di Lanzieri.
 
Area Celeste – Piazza Palestrina


 
 




Matthias Martelli
 
“Il Primo Miracolo di Gesù Bambino” (40’)
 
Il Primo Miracolo di Gesù Bambino è una delle giullarate più famose di Mistero Buffo, lo spettacolo capolavoro di Dario Fo riportato in scena in questa stagione teatrale con la regia di Eugenio Allegri, l'interpretazione di Matthias Martelli e la coproduzione del prestigioso Teatro Stabile di Torino e del Teatro della Caduta. Il primo miracolo racconta l'emigrazione di Gesù e della sua famiglia da Betlemme, a seguito delle stragi degli innocenti di Erode, e di come il piccolo Gesù riesca a farsi accettare dai bambini di un'altra città inventando il miracolo degli uccellini fatti con la creta; una giullarata esilarante sui temi attualissimi dellʹ emigrazione, del lavoro e dellʹ integrazione costruita sull’inimitabile paradosso comico e grottesco del teatro di Fo che alla fine lascia le menti in ebollizione, la gioia nel cuore e il sorriso sulle labbra.
 
Area Seppia – Anfiteatro Galleria Catena



 
 








Edoardo Mirabella
 
“Sickdu Soleil” (30’)
 
Sickdu Soleil è uno spettacolo di visual comedy in pillole: è un personaggio satirico, equilibrista e giocoliere, capace di trasformare numeri da brivido su monociclo alto due metri in sketch ad alta tensione comica, equilibri impossibili su piramidi di rolabola in incontenibili scrosci di risate e copertoni da trattore in hula hops! Sickdu Soleil è dal 2012 tra i comici del cast della trasmissione televisiva “Colorado” su Italia1.
 
Area Ocra – Piazza Duomo
 
 











Silvana Pirone
 
“Fata Lumì”
 
Lumí è una dolce fata luminosa, regala sogni illuminando gli occhi di ogni persona. Lumí regala luce, regala sorrisi, regala messaggi che ogni cuore di ogni età ha bisogno di sentirsi dire. Ma la sua altezza non é solo scenografia. Lumì ha un segreto che dona ai più fortunati o quelli che a loro volta regalano a lei un sorriso...
 
Area Celeste – Via Vescovado



 
 

Polis/I Macelli
 
“Diabolus”
 
Diabolus è un spettacolo itinerante e di contatto che giocando sull'immaginario collettivo del diavolo crea della finzione una realtà estemporanea. La paura si fa brivido e le immense sculture rosse estatica contemplazione del bello. Il progetto nasce sperimentando i confini tra strada, moda e azione, lasciando ad i performer uno spazio personale d'avvicinamento o distaccamento.
 
Area Verde – Chiesa di Sant’Erasmo


 
 
Daniela SánchezReza (Messico)
 
“Lolita Bolita” (20’)
 
Uno spettacolo per tutta la famiglia composto da sketch comici, trucchi scenici, equilibrismo e giocoleria, realizzati dalla clown messicana Lolita Bolita che viaggia per il mondo distribuendo felicità e innocenza, invitando il pubblico a sorridere, giocare ed immaginare.
 
Area Celeste – Terrazza del Vescovado


 
 
Secondi Figli
 
“Lo Stupefacente Serraglio di Sir Ellet”
 
Il serraglio è un luogo dove il confine tra Scienza e Magia si fa labile, un luogo che metterà a dura prova lo stomaco dei più deboli ma che ricompenserà i più coraggiosi con la visione di creature la cui esistenza non avreste mai creduto possibile!
 
Otto figuranti vi accompagneranno lungo un percorso di giochi e intrattenimento a tappe in Via del Castello: quali storie si celano in questo macabro freak show? Non lasciatevi sfuggire l’occasione di indagare il Serraglio e i suoi segreti, influenzando le storie di un ordito destinato a evolversi lungo tutta la durata della manifestazione. Chi sono i veri mostri? Quale ruolo avrete voi nella loro storia?
 
L’evento è costituito da alcune tappe nelle quali i personaggi intratterranno per qualche minuto i partecipanti con giochi e interazione. Sarà possibile permettere la partecipazione di gruppi fino a 5 persone ogni 5 minuti, che saranno impegnate nell’evento per un tempo attorno ai 20/30 minuti.
 
Area SeppiaVia Castello (da Largo catena a Piazza Palestrina)



 
I Suoni di Seba
 
“Gayatry Mantra” (30’)
 
La performance viene presentata come Incontro vibrazionale che “Seba” esegue con i suoi “Tam Armonici”. Una particolare e inusuale esibizione unica nel suo genere, che potremmo definire “viaggio” tra le vibrazioni sonore di questi maestosi strumenti comunemente chiamati Gong. In realtà quelli proposti sono Tam Armonici: strumenti di forma lenticolare le cui dimensioni vanno da 50 a130 centimetri di diametro. Le loro caratteristiche armoniche sono date dalla lega di metalli fusi da cui sono composti, più o meno ricca di metalli preziosi e dalla maestria di artigiani che, nella realizzazione di questo magnifici strumenti, fondono tradizione e passato. La bellezza dell’effetto sonoro che riescono a trasmettere è data soprattutto da una tecnica particolare di sfioramento, grazie all’uso di modulatori diversi ed unici al mondo che “Seba” realizza appositamente per questi strumenti.
 
Area Verde – Monastero di Sant’Erasmo



 
 
The Sparkle
 
“Maiora” (20’)
 
Intimo, raffinato, elegante, onirico, autobiografico. Tempo e spazio per emozioni, corpo per parlare, fuoco per brillare, “Maiora” per ricordare. La performance, attraverso un’attenta scelta dei movimenti, la relazione con il telo bianco ed un racconto al confine tra realtà e dimensione onirica, custodisce una complessa simbologia ed un messaggio per il pubblico carico di ottimismo: “Ad MaioraSemper”.  
 
Area Celeste – Piazza Santa Salome



 
 



Teatri 35
 
“Per Grazia Ricevuta” (30’)
 
Impedibili questi tableaux vivants ispirati all’opera di Michelangelo Merisi da Caravaggio. Morbidi drappeggi e muscoli tesi. Lame, frutti e odore d’incenso. Attori come attrezzisti, scenografi e modelli del pittore. Piume e pesi in sospensione. Il silenzio sacrale profanato dal ritmo della costruzione.Le tele si compongono sotto l’occhio dello spettatore coinvolto in un’esperienza mistica e sensoriale.Caravaggio si sente, si assapora, si tocca, si respira, si vede.Arrivare alla costruzione del quadro non è il fine; ciò che viene ricercata è una modalità di lavoro in cui il corpo è semplice strumento, un mezzo alla pari di una stoffa o di un cesto. Il singolo attore in scena compie azioni sonore, azioni inserite in una partitura musicale in cui ogni gesto è in funzione di una meccanica, di un ingranaggio in cui ciò che viene eseguito è strettamente necessario. Nulla è lasciato al caso così come nulla è superfluo. Un taglio di luce, come nei quadri di Caravaggio, è arrivato a noi “Per Grazia Ricevuta”.
 
Area Ocra – Palazzo Comunale, TerrazzaIngresso regolamentato, prenotazione sul posto



 
 
Teatro Viaggiante
 
“La Famiglia Mirabella” (30’)
 
La famiglia Mirabella de Il Teatro Viaggiante sembra una versione contemporanea del circo d’altri tempi, ma la sua vera origine sta nel teatro di strada del xx secolo. Energia, giocoleria, mimo, equilibrismi, danza, teatro, musica: ecco le componenti di questo evento unico. In piazza, là dove fino ad un attimo prima non c’era nulla, compaiono improvvisamente una bici olandese a tre ruote, monocicli di diverse misure, birilli, palline, musica e cinque personaggi dai vestiti sgargianti, cappelli e gilet: sono Edoardo Mirabella,
 
Elisabetta Cavana e i loro figli, Martin, Matilde e Mael. Lo spettacolo ha un ritmo travolgente e  lascia senza fiato. È un’ora di visual comedy, teatro di strada e coinvolgimento, dove virtuosismo e umanità si fondono in un’inimitabile e unica atmosfera.

 
Solo Sabato Area Celeste – Piazza Santa Salome


Terzostudio/Ludos
 
“Gioca la Piazza” (180’)
 
Giochi da tavolo, in legno e materiali poveri, che trasformano una piazza in un’area di gioco e divertimento per tutta la famiglia. Novità di quest’anno: la pista delle biglie e la pista delle trottole.
 
La forza dell’animazione sta nella sua straordinaria capacità di offrire un'attività ludica e ricreativa non banale e attiva che ha come protagonisti i cittadini, che giocano e si divertono in prima persona vivendo diversamente gli spazi urbani.
 
Area Seppia – Piazza Trulli








 
 
Terzostudio/Teatro delle Dodici lune
 
“Puppurrì” (30’)
 
Personaggi buffi e malinconici, pupazzi e burattini si avvicendano in un susseguirsi di sketch dal ritmo coinvolgente, papere e puzzole che si esibiscono in virtuosismi canori, Pulcinella che, dopo aver cresciuto innaffiandolo amorevolmente uno splendido girasole, si addormenta sulla luna, bruchi che si trasformano in farfalle e volano via. Puppurri è divertente e poetico, l’ideale per grandi e piccoli spettatori.
 
Area Seppia – Largo Catena



 

  
Unnico
 
“Io, Lui e Lei” (30’)
 
Una visual comedy dove per la prima volta si assiste ad un numero di acro-balance con un cane. Adatto a tutte le età, lo spettacolo è un concentrato di momenti divertenti e poetici che lo rendono unico e gradevole. I tre bizzarri protagonisti conquistano da subito la simpatia del pubblico che si lascerà trasportare in una dimensione di allegria e spensieratezza. Tra i due clown umani è un continuo conflitto spesso risolto dal più fedele amico dell’uomo. Le gag si susseguono ad un ritmo incalzante, sorretto da una musica coinvolgente e supportato da una scenografia adeguata.
 
Area Celeste – Piazza Palestrina




 
 

Alessandro Verdecchia
 
“Quiete Vibrazioni” (15’)
 
Alessandro Verdecchia è un musicista polistrumentista, con una esperienza pluriennale. Negli anni si è specializzato nel campo della musicoterapia e di questo particolare settore è uno dei maggiori esperti italiani, da anni svolge un lavoro di ricerca sul 'significato' della vibrazione mirata al benessere psicofisico dell'essere umano. Ecco: il suo spettacolo trasmette benessere ed energia nell’incredibile scenario del Criptoportico.
 
Ingresso regolamentato riservato a 10 persone. Prenotazioni sul posto
 
Area Ocra – Palazzo Comunale, Criptoportico



 
 





Veroli Racconta Teatro e Solidarietà
"Andrea" (A tolle l'acqua co lu manecuto) (40')

Santina e Pasquale sono due coniugi che ripongono nel figlio Giovanni enormi aspettative. Una gravidanza senza nessun controllo medico e il parto in casa affidato alla "levatrice", avvenuti più di trent'anni prima, sono ormai un mero ricordo. I tanti sacrifici per provvedere agli studi universitari non vengono ripagati da Giovanni che torna dall'Università Bocconi di Milano senza laurea ma con Andrea. Niente di scandaloso, perchè Andrea non è un uomo. Torna a casa e si sposa, quindi mette la testa a posto e inizia a lavorare per sostenere almeno la sua famiglia. Questa è l'illusione degli anziani genitori. Ma Andrea ha in mente un progetto...

Area Magenta - Cortile Palazzo Campanari






Gatti Ostinati "Fiabe in valigia"
Storie e canzoni per piccoli e grandi

I Gatti Ostinati sono Davide Fishanger e Cataldo Nalli, due operatori culturali, liberi professionisti che lavorano con le scuole e le biblioteche della Provincia di Frosinone da ormai vent'anni. Creiamo progetti di promozione della lettura, teniamo letture a viva voce, conduciamo laboratori teatrali. Tra le più recenti collaborazioni, i Gatti sono stati presenti nella sezione Off del Salone Internazionale del Libro di Torino nel 2015, al Festival dei "Libri come" e al Festival delle Scienze presso il Parco della Musica di Roma nel 2016 e nel 2017; le nostre "Fiabe in Valigia" sono state, inoltre nel cartellone de La Contrada - Teatro Stabile di Trieste nel Gennaio 2017 e nel "Ragazzi Medfest", 1° festival mediterraneo dei ragazzi (Reggio Calabria, Luglio 2017). Ciò a cui aspiriamo, nei progetti da noi realizzati, è una cultura che si faccia incontro, un'arte che si faccia proposta, una poesia che cambi il mondo.

Area Ocra - Chiostro Agostiniano


Torna ai contenuti